INFO CONTATTI SALA STAMPA CREDITI LINK NEWS    
PROGRAMMA             .ENG  .FRA  .ESP   
SCRITTORE
   Javier Cércas
.Bibliografia 
.Stampa .Segnala
Biografia
Nato a Ibahernando (Cáceres) nel 1962, catalano, Javier Cércas approda alla scrittura attraverso il giornalismo, ma verso la fine degli anni Ottanta abbandona l’attività, seppur temporaneamente, per dedicarsi alla letteratura. Dopo l’esordio con la raccolta di racconti Il movente (1987; Guanda, 2004), pubblica i romanzi El vientre de la ballena (1997) e El inquilino (2000), che suscitano l’interesse e gli apprezzamenti di autori come Francisco Rico e Roberto Bolaño. Sebbene ritenuto dalla critica un autore di talento, Cércas resta uno scrittore poco noto anche nel suo stesso paese fino al 2001, quando l’editore di Barcellona Tusquets pubblica Soldati di Salamina (Guanda, 2002). Venti ristampe in pochi mesi, centinaia di migliaia di copie vendute, traduzioni in quindici lingue: il libro del quarantenne Cércas diventa un caso letterario nazionale e un grande successo internazionale di pubblico e di critica. La vicenda è ambientata in Spagna, alla fine della guerra civile. Durante la ritirata delle truppe repubblicane verso la frontiera francese, un gruppo di prigionieri franchisti viene condotto in una radura per essere fucilato. Tra loro si trova Rafael Sánchez Mazas, scrittore e falangista di primo piano che, solo e ferito, riesce a fuggire, fino a quando un miliziano mandato sulle sue tracce lo raggiunge e gli risparmia la vita. Perché? La risposta a questa domanda diventa per Cércas l’ossessione da cui nasce la storia dipanata dall’io narrante, un giornalista che si chiama Javier Cércas, proprio come l’autore. Scritto con grande passione, il romanzo possiede una tensione quasi da noir e non ha paura di affrontare i temi fondamentali della nostra esistenza. Cércas infatti prende spunto da un episodio realmente accaduto per costruire un felice intreccio tra romanzo e réportage, avvenimenti del passato e fatti presenti, compiendo un viaggio alle radici dell’etica e della dignità umana.
Come in altri paesi, anche in Italia Javier Cércas è passato in poco tempo dall’anonimato alla popolarità grazie alla pubblicazione di Soldati di Salamina. Nel 2003 il romanzo, che Michele Serra ha definito «il libro più anti ironico che mi sia capitato di leggere da molto tempo», ha vinto il premio Grinzane Cavour. Il suo ultimo romanzo, La velocità della luce (2006), è pubblicato in Italia da Guanda.
Dopo aver lavorato per due anni presso l’Università dell’Illinois, dal 1989 Cércas è professore di Letteratura Spagnola all’Università di Gerona. Come giornalista collabora abitualmente con l’edizione catalana di «El País».
 
PARTECIPA ALLA SERATA DEL
.6 giugno
LETTO DA
.Valerio Mastandrea
MUSICA DI
.Francesco Bruno